Ente Nazionale Sordi ETS-APS

Comunicare con le persone sorde: capire e farsi capire

Ecco alcune norme da tenere a mente nella comunicazione con una persona sorda.

  1. Prima di iniziare a parlare assicurati di avere la sua attenzione e avere il viso visibile (senza indossare la mascherina).
  2. Quando devi richiamare l’attenzione puoi agitare la mano o toccare dolcemente il braccio o la spalla della persona sorda. 
  3. La distanza non deve essere troppo vicina e nemmeno troppo lontana, (non superare il metro e mezzo), per consentire di leggere il labiale in modo più agevole.
  4. È fondamentale parlare frontalmente mantenendo il contatto visivo, senza avere la luce alle spalle. Assicurati di avere il viso ben illuminato.
  5. Mentre parli non scuotere troppo la testa, non voltarti per fare altro, altrimenti diventa difficoltoso seguire il labiale.
  6. Parla distintamente ma senza esagerare. La pronuncia non deve essere accentuata né alterata masticando qualcosa o portando oggetti alla bocca.
  7. Parla con un tono di voce normale: non è necessario gridare, può essere fastidioso per chi ha le protesi e apparire aggressivo.
  8. La velocità del discorso deve essere moderata: né troppo rapida, né troppo lenta.
  9. Evita frasi troppo lunghe, arriva al punto usando frasi corte ma complete, non occorre parlare in modo infantile.
  10. Accompagnare il parlato con espressioni del viso e gesti può aiutare, in base al senso del discorso; metti in risalto la parola principale della frase. 
  11. Nel caso di nomi propri – di persona, di città – parole difficili, termini medico-scientifici, di lingua straniera, ecc. la lettura labiale risulta difficile e la persona sorda potrebbe avere difficoltà a recepire il messaggio. Cerca di fargli capire cosa intendi, prova a scriverlo.
  12. Sii paziente e non essere frettoloso, senza chiudere il discorso con “Non importa” alle prime difficoltà di comunicazione.

Bisogna ricordare che la lettura labiale può fungere da supporto alla comprensione, ma non è una modalità infallibile: dipende da tante variabili personali, dal contesto e dall’ambiente. Anche se l’interlocutore parla in modo lento e chiaro, le persone sorde riescono a captare solo una parte delle parole pronunciate. Il restante contenuto del discorso va indovinato, intuito, il che può portare a fraintendimenti. La lettura labiale è molto stancante e non è una modalità adatta a discorsi troppo lunghi e/o complessi.

Osserva la modalità di comunicazione preferita della persona sorda, se preferisce continuare il discorso per scritto, accogli questa richiesta. È possibile scrivere su un foglio o sul cellulare, oppure usare la trascrizione automatica (su Note o un’app specifica di dettatura vocale).

 

Torna su

Iscriviti alla nostra newsletter