Ente Nazionale Sordi ETS-APS

Il Vittoriano e Palazzo Venezia accessibili in LIS con guide ed educatrici sorde

Siamo lieti di informare che VIVE – Vittoriano e Palazzo Venezia, Istituto del Ministero della Cultura con cui la Sede Centrale dell’ENS ha recentemente avviato una collaborazione, offre percorsi accessibili in Lingua dei Segni Italiana condotti da guide ed educatrici sorde specializzate rivolte al pubblico delle famiglie, dei bambini, degli adulti e delle scuole. Le attività in LIS ideate dal team didattico del VIVE sono dedicate alla conoscenza della storia e dell’arte dell’Istituto che riunisce un patrimonio museale tra i più rappresentativi e visitati d’Italia, parte integrante dell’immaginario collettivo.

Le visite animate per famiglie e bambini consentono ai piccoli e grandi visitatori di conoscere due luoghi iconici nel cuore di Roma, il Vittoriano e Palazzo Venezia, e di scoprire e rielaborare in maniera personale l’incontro con l’arte e la storia.  

Le visite guidate per adulti consentono al pubblico di conoscere e approfondire oltre cinquecento anni di storia, di arte e cultura, tra le architetture rinascimentali di Palazzo Venezia e la modernità del Vittoriano.

QUANDO
Le attività in LIS per famiglie si svolgono ogni terzo sabato del mese alle ore 16.00.
Le attività LIS per adulti si svolgono ogni quarto sabato del mese alle ore 11.00.

APPUNTAMENTI DI GENNAIO
Sabato 21 gennaio alle 16.00 – Camicie rosse e code di crine in LIS – visita animata per famiglie
Sabato 28 gennaio alle 11.00 – Vittoriano in LIS – visita guidata per adulti 

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Le attività hanno una durata di 2 ore.
Le attività accessibili sono incluse nel biglietto d’ingresso.
Il biglietto è gratuito per le persone con disabilità e per gli accompagnatori.

Per informazioni e prenotazioni inviare una mail a vi-ve.edu@cultura.gov.it
Vi invitiamo a visitare la sezione Educazione del VIVE per maggiori informazioni sull’offerta didattica. 

L’accessibilità non è un’opzione ma un diritto in sé per sé e garanzia di diritti fondamentali, a cominciare da quelli alla bellezza, alla cultura e alla partecipazione!

Tags

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Tags

Condividi

Ti potrebbero interessare

Scroll to Top

Iscriviti alla nostra newsletter