L'ultima tappa di GenerAzione, un viaggio lungo un anno

Primo piano

Si è svolto ieri, 12 luglio, l’evento finale di GenerAzione, il progetto ideato e organizzato dall’Ente Nazionale Sordi per diffondere l’educazione digitale tra le persone sorde. E’ stata l’occasione per presentare i risultati di più di un anno di lavoro alla comunità sorda e ai tanti ospiti che hanno voluto partecipare per dimostrare la loro vicinanza all’iniziativa e al tema. E’ stata anche una giornata di festa, perché riuscire a portare più di 800 persone sorde in aula per la formazione digitale è sicuramente un grande traguardo.

Nel corso del pomeriggio in molti, sempre accompagnati dal servizio di interpretariato LIS/Italiano Italiano/LIS e dal coordinamento di Amir Zuccalà, responsabile dell’ufficio progetti dell’ENS, si sono alternati sul palco e tutti hanno realizzato interventi puntuali e sentiti.
L’evento è stato aperto dal Presidente ENS Giuseppe Petrucci e dal Cav. Sergio Cao, il responsabile del progetto; entrambi hanno voluto innanzitutto ringraziare i presenti e lo staff di GenerAzione e poi fare una breve panoramica su tutti quei diritti che ancora non sono garantiti ai sordi, nonostante l’esistenza di tecnologie che potrebbero renderli reali.
E’ stato poi il turno degli interventi istituzionali.
La prima a prendere la parola è stata la Senatrice Elena Ferrara, che ha sottolineato il suo supporto al riconoscimento della lingua dei segni italiana e ha trattato di etica della tecnologia e cyberbullismo, ricordando lo scopo ed i punti salienti della recente legge.
Poi è stato il turno di Stefano Scarpelli, dell’Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza per conto di Filomena Albano, che si è dimostrato estremamente disponibile e pronto ad ascoltare le istanze dei giovani sordi.
Il Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato, Anna Marinelli, ha poi voluto evidenziare che non bisogna avere paura del web, ma è necessario avere “occhi attenti e cuore coraggioso”.
Mario Rusconi, il presidente dell’ANP Lazio, ha invece puntato il dito contro la politica, colpevole di non rendere le scuole un luogo di integrazione ed inclusione.
E’ quindi salito sul palco Gianluca Ricci, il presidente dell’Associazione Cuore Digitale, che ha collaborato al progetto per la realizzazione dei corsi destinati ai ragazzi sordi under 30.
“La formazione digitale è il futuro e, come in questo caso, può rendere felici”, con questa frase si può riassumere l’intervento il suo intervento.
La parte dedicate alle autorità è stata chiusa dal Segretario Generale ENS Costanzo Del Vecchio, che ha rilevato la ricaduta reale del progetto sulla comunità sorda e auspicato di continuare insieme sulla strada dell’accessibilità.
La seconda parte dell’evento è stata dedicata al racconto del progetto.
Prima è stato il momento della formazione.
Il primo ad intervenire è stato il Dott. Alessio Di Renzo, che ha raccontato il lavoro svolto dalla cooperativa “Il Treno” nella realizzazione di una mini guida sulla sicurezza in rete e di videolezione sul mondo digitale, il tutto pensato in una logica bilingue italiano/LIS.
Si sono poi alternate sul palco le docenti de “Il Treno” Eloisa Matina, Susanna Ricci Bitti e Diana Vitolo, che hanno raccontato la loro esperienza con i laboratori di GenerAzione destinati ai bambini dai 7 agli 11 anni, ai ragazzi dai 12 ai 16 e agli anziani over 60.
A chiudere il momento formazione c’ha pensato Andrea Carini, il “docente udente” dell’associazione Cuore Digitale, che ha raccontato la fatica e, soprattutto, la soddisfazione di girare l’Italia per il suo corso in Digital Marketing destinato ai ragazzi sordi under 30.
La seconda parte del racconto del progetto è stata destinata alla Città dei Sordi.
GenerAzione infatti, oltre alla realizzazione dei corsi di formazione digitale, aveva anche un altro obiettivo; la creazione di un luogo virtuale con lo scopo di far conoscere a tutti la cultura e l’identità sorda e approfondire temi relativi alla sordità, come la tecnologia e l’educazione.
Per raccontare questa fase e far fare una prima visita nella Città ai presenti, hanno preso la parola Annamaria Salzano, responsabile esecutiva del progetto, e la Dott.ssa Serena Generotti di Teleskill Italia, la società che ha sviluppato questa piattaforma pensata come un serious game.
Alla fine è arrivato il momento dei saluti e dei ringraziamenti: Annamaria Salzano ha preso ancora la parola per dire grazie ai partecipanti e a tutti quelli che hanno reso possibile il progetto GenerAzione, in particolare i referenti regionali, fondamentali per l'organizzazione dei corsi, e tutti i membri dello staff.