Ven19122014

Ultimo aggiornamento10:49:42

Corriere RSS:

Font Size

Profile

Direction

Menu Style

OPZIONI
obiettivo-lis-980   festival-sordo-cabaret42
Ritorna Sei qui: Home Canali Tematici Primo Piano Prosegue l’esame del Contratto di Servizio RAI presso la Commissione di Vigilanza

Prosegue l’esame del Contratto di Servizio RAI presso la Commissione di Vigilanza

abbonamento rai

Roma 5 marzo 2014 – E’ tornata a riunirsi la Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, nota in modo abbreviato come Commissione Vigilanza RAI, una delle Commissioni d'indirizzo, vigilanza e controllo che svolgono funzioni originali in relazione a settori o materie specifiche. Tra i temi che l’ENS segue con particolare attenzione e per cui ha presentato specifiche proposte vi l’esame dello schema di Contratto di servizio tra il Ministero dello sviluppo economico e la RAI-Radiotelevisione Italiana SpA per il triennio 2013-2015, che regolamenta contenuti, tempi, modalità, monitoraggio del servizio pubblico della TV di Stato.

Tra i numerosi temi presenti nel Contratto di Servizio vi è la regolamentazione in materia di accesso all’informazione televisiva per le persone con disabilità, in particolare tutto ciò che concerne la sottotitolazione e produzione/traduzione in lingua dei segni, gli indicatori delle percentuali che l’Azienda Rai è tenuta rispettare e i tempi di attuazione.

Nei mesi di gennaio e febbraio la Commissione si è riunita diverse volte per discutere in merito agli articoli del Contratto e in relazione alle proposte di modifica, tra cui quelle direttamente presentate dall’ENS, e di cui è stata già data comunicazione (http://www.ens.it/canali-tematici/primo-piano/3642-ens-interviene-per-laccessibilita-della-programmazione-televisiva.)

Nello specifico nella seduta del 26 febbraio si è discusso degli articoli che riguardano da vicino le persone sorde, discussione poi proseguita nella seduta del 5 marzo, relatore il Vice Presidente della Commissione Sen. Salvatore Margiotta che ha subordinato il parere favorevole al testo a una serie di integrazioni tra cui “l'esigenza di rafforzare gli impegni dell'azienda volti a garantire effettivamente la parità di genere, a implementare le misure tecnologiche che rendano quanto più possibile fruibile la televisione pubblica per le persone con disabilità sensoriali e, infine, ad ampliare la sfera dei diritti e della tutela dei minori.

Il Senatore ha ribadito altresì che “nonostante esso contenesse già nella versione originale previsioni commendevoli, si è inteso però, anche per impulso e suggerimento delle associazioni del settore, rafforzarne in modo deciso le garanzie e rafforzare gli impegni della concessionaria con l'introduzione di una stringente tempistica. Per quanto concerne infatti la garanzia del diritto all'informazione delle persone con disabilità, si è inteso impegnare la Rai a sottotitolare tutte le edizioni dei TG delle reti generaliste e dei TG regionali, i notiziari sportivi e quelli del canale Rainews e a tradurre in lingua dei segni, oltre a un'edizione del TG regionale, anche due edizioni dei TG e di Rainews. Tutto ciò entro il termine del 30 novembre dell'anno corrente.

Altre proposte di integrazione concernono la sottotitolazione della programmazione complessiva delle reti generaliste tra le ore 6 e le ore 24, inclusi i messaggi pubblicitari e di servizio, nonché l'accesso all’offerta multimediale e televisiva sul digitale terreste e sul satellite, impegnando altresì l’Azienda a inserire nel palinsesto web i sottotitoli già apposti nelle trasmissioni audiovisive e a creare un archivio di sottotitoli, progressivamente aggiornato.

La Commissione si è aggiornata a prossima seduta e l’ENS continuerà a seguire con particolare attenzione i lavori della stessa affinché tutte le nostre istanze siano integrate nel testo – tra cui specifica programmazione accessibile per l’infanzia, spazi dedicati alla sordità - e si arrivi in tempi rapidi e certi a colmare un vuoto non più tollerabile in uno scenario europeo e a garantire l’accesso all’informazione e al servizio pubblico che spetta di diritto a tutti i cittadini, come previsto non dalla sola Convenzione Onu ma dalla Costituzione e dalle leggi dello Stato Italiano.

Sede Centrale ENS